la-figlia-di-mayweather-accoltella-la-ex-di-nba-youngboy

La figlia di Floyd Mayweather ha accoltellato l’ex ragazza di NBA YoungBoy

Articolo di Redazione

03.04.2020

La figlia diciannovenne di Floyd Mayweather, Iyanna detta YaYa, è stata arrestata per aver accoltellato una donna a casa di YoungBoy NeverBrokeAgain. La ragazza e il rapper si frequentavano tra alti e bassi da qualche anno e sabato Iyanna era andata a trovarlo nella sua casa di Houston. Tuttavia, al suo arrivo YaYa ha sorpreso YoungBoy con un’altra donna, Lapattra Lashai Jacobs, madre di uno dei quattro figli del rapper; tra le signore è nato un alterco verbale, poi degenerato in violenza fisica e infine nelle due coltellate inferte da Iyanna al corpo di Lapattra. La figlia del celebre ex-pugile è stata arrestata dal dipartimento di polizia della contea di Harris per aggressione aggravata da arma mortale; Lapattra, invece, è stata trasportata in ambulanza in ospedale, ma le sue condizioni rimangono riservate.

La reazione della scena rap non si è fatta attendere. Kodak Black, attualmente detenuto, ha pubblicato un post in cui accusava YoungBoy di aver collaborato con le forze dell’ordine nel merito dell’indagine Iyanna vs Lapattra; in tutta risposta, il rapper di Baton Rouge è andato in diretta Instagram, chiedendo all’accusatore come avrebbe effettivamente collaborato, difendendo YaYa (che compare nel video, evidentemente rilasciata dalla prigione) e chiudendo il messaggio con la provocazione rivolta a Kodak “e poi tu non dovresti essere un gangster?”.

Ma NBA non si è limitato alle provocazioni verbali: ieri ha pubblicato a sorpresa un nuovo pezzo, “Step On Shit”, che in meno di 20 ore ha raggiunto quasi 2 milioni di visualizzazioni su YouTube. Il testo minaccioso non fa esplicito riferimento a Kodak, ma non sono pochi gli indizi che lasciano intendere chi sia il destinatario del messaggio. Fortunatamente, la reclusione di uno e la quarantena dell’altro permettono di scongiurare, almeno temporaneamente, la possibilità di uno scontro diretto tra i due, nella speranza che allo scadere dell’emergenza sanitaria e della pena di Kodak gli animi si siano placati.

Potrebbero interessarti anche...