Kanye-west-otto-punti-per-la-liberazione-dell'artista

Gli 8 punti per la liberazione degli artisti, secondo Kanye West

Articolo di Redazione

22.09.2020

Dopo una settimana tumultuosa nel mondo di Kanye West in cui, tra le altre cose, ha pubblicato oltre 100 pagine dei suoi contratti discografici su Twitter, ha affermato di essere il “capo di adidas” e si è definito “il nuovo Mosè” che avrebbe liberato gli artisti dalla schiavitù discografica —Ha proposto ieri una serie di “nuove linee guida per accordi di registrazione e pubblicazione” su Twitter, suggerendo gli artisti di seguirli pedestremente come strategia per i futuri negoziati.

Ecco qua i punti…

8 PUNTI PER LA LIBERAZIONE DEGLI ARTISTI

  1. “1. L’artista possiede il copyright delle registrazioni e delle canzoni e le concede in locazione all’etichetta discografica / editore per un periodo limitato. “
  2. “2. L’etichetta discografica / editore è un fornitore di servizi che riceve una quota del reddito per un periodo limitato. La divisione può essere 80/20 a favore degli artisti “
  3. “3. DIPENDENTI: Gli artisti non devono dipendere da nessuno se non da se stessi per gestire il proprio lavoro. Non dovresti aver bisogno di NESSUN altro per capire l’attività e lo stato dell’economia in cui ti trovi “.
  4. “4. AVVOCATI: La prima cosa che cambia negli accordi discografici sono in realtà gli avvocati. Abbiamo bisogno di contratti in inglese semplice. Un ruolo degli avvocati è quello di MIGLIORARE gli accordi…. non addebitare per contratti che non possiamo comprendere o tracciare. Riscrivi i contratti in modo che siano comprensibili fin dalla PRIMA LETTURA. “
  5. “5. LE LICENZE GLOBALI E L’EQUITY RAPPRESENTANO LA MAGGIORANZA DEI NUOVI REDDITI FUTURI. Una licenza globale è quando un’etichetta discografica (o un altro gruppo di proprietari) concede in licenza una raccolta di diritti a un utente, in modo tale che l’utente non debba ottenere autorizzazioni individuali dagli artisti. (es. Tik Tok e Facebook)
    ‘’6. GLI ANTICIPI SONO SOLO PRESTITI !! Gli anticipi sono prestiti con tassi di interesse del 75% (o peggio). Le case discografiche dovrebbero comprarti, non prestarti. “
  6. “7. ROYALTIES: Demandate agli enti. Hai bisogno di un manager aziendale per leggere quanti soldi hai fatto? Quindi paghi per vedere i tuoi soldi !!! I portali delle royalty devono mostrare (cosa che non succede oggi) ogni canzone che hai consegnato quanto ti fa guadagnare.
  7. “7. PORTALI: Non sono solo per i diritti d’autore. Sono per tutta la tua attività. Ogni file audio, ogni risorsa, ogni affare archiviato che ti ha fatto guadagnare soldi. Il denaro e la musica devono stare insieme. Al termine del mandato, scarica tutto. Partire.”

 

L’azione collettiva, come insegna la storia (per esempio con l’industria cinematografica o nell’atletica professionista), è un modo intelligente per garantire termini contrattuali più equi. Questo tipo di approccio, considerato a tutti gli effetti come un sindacato, sarebbe il modo più ovvio per contrattare alcuni di questi termini e ribaltare efficacemente gli standard di mercato in un mondo che cambia costantemente. Un’azione degna di nota sarebbe quella di avviare un sindacato o un collettivo di musicisti. Perchè solo come gruppo, gli artisti, avranno la spinta necessaria per minare questi anni di sfruttamento e riappropriarsi – guadagnando anche – dai loro prodotti dellingegno.

kanye-west-8-punti-liberazione-artisti

Bisogna immaginarsi gli artisti come delle ‘’mucche’’, al momento, e le etichette discografiche come delle centrali del latte. Le ‘’mucche-artisti’’ producono ‘’latte-canzoni’’ e le ‘’etichette discografiche-centrali del latte’’ le distribuiscono, mettendo a disposizione degli artisti (quando va bene), soltanto i mezzi di produzione e distribuzione e riconoscendo una piccola percentuale (Royalties) alle ‘’mucche-artisti’’ . Neanche uno stipendio fisso, come qualsiasi dipendente,  ma una percentuale dalle entrate totali delle vendite delle canzoni.

Nel complesso, come scrive Complex: ” Kanye mette il focus su alcuni punti interessanti e sembra, se non altro, impegnato a produrre un certo impatto sociale positivo nel settore. Mentre alcune di queste linee guida sono radicate in problemi reali, altre, sono un po ‘irrealistiche e tendono ad essere più probabilmente classificate come “parte del patto” che un artista fa con una major. Tuttavia, è improbabile che sia in grado di fare qualcosa da solo ”.

È probabile che Kanye intraprenda quindi un’azione collettiva tra molti artisti per forzare questo cambiamento, ma niente inizia senza l’istruzione e la comunicazione e – apparentemente – non esiste alcun luogo, se non l’account Twitter di Kanye West in questo momento, per attirare l’attenzione del mondo su questi temi. Come artisti e lavoratori del settore dobbiamo porci la questione anche noi e quindi condividiamo e, chiediamo di sottoscrivere, gli interessanti 8 punti descritti da Mr.West.

Tu sei d’accordo?

Potrebbero interessarti anche...