fedez-denunciato-codacons-carabinieri-forze-dell-ordine-polizia

Fedez denunciato per la canzone ”Tu come li chiami”

Federica Lucente

29.07.2021

Fedez nel corso di questi ultimi anni ci ha abituati alle innumerevoli denunce accumulate per questioni, a detta del Codacons, importantissimi e di gran rilievo.

Questa volta, però, la circostanza è differente e la denuncia non arriva dall’acerrimo nemico del cantante, bensì dall’Associazione pro territorio e cittadini onlus.

Per capirne il motivo, però, dobbiamo tornare indietro di 11 anni: era il 2010 e Fedez aveva poco più di vent’anni quando uscì la sua canzone Tu come li chiami, brano di denuncia politica e sociale nel quale il rapper se la prende con forze dell’ordine e politici, definendo “infami” entrambe le categorie.

I politici italiani
Io li chiamo infami
Tutti quei figli di cani
Tu come li chiami
Carabinieri e militari
Io li chiamo infami
Tutti quei figli di cani

Parole che non ci sorprendono, che ben potrebbero descrivere la situazione odierna e che rappresentavano perfettamente lo stile di Fedezprima che perdesse la sua verve polemica perlomeno.

News
Il Codacons blocca la raccolta fondi di Fedez

La notizia della denuncia ci arriva da AdKronos, il quale riporta la ragione della stessa: vilipendio delle forze armate e istigazione a delinquere; ciò ha portato ad una vera e propria censura della canzone in rete da parte della Legal technology solutions srl, che ha chiesto l’oscuramento delle pagine web nelle quali è presenta la suddetta canzone incitante al vilipendio.

La domanda, però, è un’altra: come mai la denuncia arriva solo ora? Parliamoci chiaro, Fedez può piacere o meno, così come si può essere d’accordo o non d’accordo con le sue posizioni e le sue dichiarazioni, ma stona un po’ considerare che Tu come li chiami è in rete da ben 11 anni, quindi… Perché proprio adesso? Ricordiamo che il testo è stato rispolverato recentemente da esponenti della Lega, i quali l’hanno utilizzato come scudo per difendersi dal discorso del rapper al Concertone del 1° maggio. Si può parlare di antipatia politica a questo punto?

Fedez è un elemento di disturbo, ha gran seguito e la sua opinione è ben distante da quella dei partiti politici più in alto nei sondaggi attuali; l’atteggiamento da “comunista col Rolex” di Fedez può piacere o infastidire, ma sicuramente sappiamo che ha spalle larghe e può economicamente reagire alle continue denunce senza indietreggiare o senza farsi spaventare.

Un’amara consapevolezza, però, la dobbiamo fare: se chi detiene il potere spreca tempo ed energie per denigrare un artista, piuttosto che investirli per migliorare la situazione politica e sociale del paese, probabilmente non mira al benessere di quest’ultimo, quanto piuttosto a creare schieramenti. La fallacia ad personam non argomenta, non ha tesi da dimostrare e validare, si limita ad attaccare il soggetto che propone un tema, ma non il tema stesso, cercando di muovere le masse, nel tentativo di condizionarle e persuaderle.

Va bene così, Fedez fa schifo ed è un criminale; i politici sono santi e le forze dell’ordine non commettono mai abusi di potere. Il cielo oggi è verde e gli asini volano.

L’importante è esserne consapevoli.

Potrebbero interessarti anche...