the game ha distrutto la g unit

The Game ha distrutto la G-Unit e il marchio Ecko…

Il rapper The Game, intervistato durante il podcast ”All The Smoke”, ha raccontato di quanto l’hanno pagato per smettere di insultare la G-Unit…

Redazione


Come molti sanno, il rapper di Los Angeles The Game ha avuto un lungo beef  con il rapper di New York 50 Cent. Una faida che dura da almeno 18 anni. All’inizio della loro disputa, nel 2005, The Game aveva avviato una campagna volta a distruggere il marchio ”G-Unit”: ripetere la parola “G-Unot” (un gioco di parole sul brand di Fitty).

Ma da un certo momento in poi, The Game, ha smesso di usarlo e finalmente sappiamo perchè. Secondo il rapper di Los Angeles, infatti, 50 cent e Jimmy Iovine (fondatore dell’etichetta Interscope Records) gli avrebbero pagato la considerevole somma di $ 1 milione per smettere di usare come tag nelle canzoni il “G-Unot”.

News
The Game rischia grosso per una frode criptomonetaria

The Game è apparso di recente in un podcast chiamato “All The Smoke” ospitato dall’ ex cestista NBA Matt Barnes e la star dell’NFL Stephen Jackson per raccontare come sono andati i fatti.

Durante la loro chiacchierata, il rapper, ha affermato di aver ricevuto un corposo assegno a sette cifre da 50 e dal co-fondatore di Interscope per interrompere la campagna contro il marchio G-Unit. In una clip del podcast, Game dice: “Un sacco di gente non lo sa. ma Jimmy Iovine mi ha dato un milione di dollari per smettere di dire G-Unot. Mi hanno scritto un assegno, l’hanno comprato. Ho dovuto registrare il marchio G -Unot. L’intera G Unit/Mark Ecko, le scarpe, quella m*rda è morta con loro. Era una merce calda (all’epoca, ndr) era l’ abbigliamento della G-Unit. “

The Game, durante il podcast, ha riferito che – guardandosi indietro – avrebbe dovuto rilanciare la loro offerta da $ 1 milione con una cifra maggiore: “Avrei dovuto chiedere di più, ma mi hanno dato un milione di dollari…un milione di dollari per smettere di dire questa parola?! Dov’è l’assegno? Hanno scritto l’assegno e io ho smesso di dirlo. “