nle-choppa-è-stato-arrestato-incastrato

NLE Choppa, incastrato dalla polizia?

Articolo di Redazione

2.04.2020

NLE Choppa è stato arrestato durante il fine settimana nella contea di Broward, in Florida, per accuse di furto con scasso, occultamento di arma da fuoco, possesso di marijuana e di Xanax. Certo è strano perchè proprio lui, qualche mese fa, sembrava essersi affrancato dalla carriera criminale e dalla violenza.


News
NLE Choppa ”non rapperò di violenza mai più”

A settembre aveva addirittura scritto su instagram, dopo essere stato bandito da twitter : “Ieri Twitter mi ha bandito per un giorno, quindi ho messo l’energia che stavo usando per informarvi, nel mio giardino. Sto coltivando meloni, angurie, cetrioli, zucca, peperoni, cavoli e pomodori per il mio raccolto autunnale. Preparato alla scarsità di cibo. Non starò mai zitto per tutti voi, vi voglio bene.

E poi questa brutta storia…Nessun altro aggiornamento fornito riguardo alla vicenda per 4 lunghi giorni, se non che il rapper era stato trattenuto con una cauzione di $ 4.500 nelle prigioni della contea.

Il rapporto della polizia, pubblicato online, non da spazio a dubbi: il rapper sarebbe stato arrestato in Florida, domenica 28 marzo e il dipartimento di polizia di Davie lo accusa di furto con scasso, possesso di arma da fuoco, Cannabis (circa 20 grammi) e Alprazolam (Xanax).


News
NLE Choppa ha scritto il giorno della sua morte

Le prime parole del rapper dopo la vicenda, però, sembrano raccontare un’altra storia:“…quando inizi a cambiare la vita intorno a te e a rappresentare qualcosa di profondo, diventi un bersaglio per un certo gruppo di persone e anche per il diavolo”, ha scritto il rapper su Twitter “…durante questo arresto sono stato incastrato, mi sono state messe addosso sostanze che non consumo / uso / possiedo, il mio nome è stato utilizzato da qualcun altro e sono stato maltrattato. Tutti i media, i canali di notizie e così via hanno coperto questa storia per dipingere un’altra immagine di me, cercando di trasformare quello su cui ho lavorato così duramente. Vincerò il processo e camminerò come un uomo libero, ricordatevi che – si è innocenti fino a prova contraria e non colpevoli finché non si dimostra di essere innocenti. Chiedo ai miei sostenitori di restarmi vicino e permettere a Dio di fare la sua opera. Grazie e vi voglio bene a tutti. ” Un’ accusa – palese –  nei confronti della polizia ( o di qualcun altro non ben specificato) che lo avrebbe incastrato, secondo Nle Choppa, per rovinare la sua reputazione.

Aspettiamo notizie a riguardo, ma se la versione di Choppa si dimostrasse vera, sarebbe parecchio inquietante.

 

Potrebbero interessarti anche...