La difesa del 15enne presunto omicida di Pop Smoke in tribunale è che sia stato un altro uomo l’esecutore materiale dell’omicidio

Ancora misteri sulla morte di Pop Smoke

La difesa del 15enne presunto omicida di Pop Smoke in tribunale è che sia stato un altro uomo l’esecutore materiale dell’omicidio

Redazione

18.10.2021

Pop Smoke è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel febbraio del 2020 durante una, fallita, ‘’home invasion’’ nella sua casa a Hollywood Hills. Secondo quanto riferito dalla polizia, uno degli uomini accusati di aver ucciso la star del rap, il 15enne Corey Walker il quale avrebbe premuto materialmente il grilletto secondo la polizia, era così arrabbiato dopo l’assassino che avrebbe “aggredito” il vero omicida di Pop Smoke.

Secondo Rolling Stone, l’avvocato difensore di Corey Walker, Christopher Darden, ha presentato una mozione per respingere le sue accuse di omicidio e rapina con il seguente argomento “ Walker ha espresso specificamente la sua opposizione a qualsiasi violenza prima che Pop Smoke fosse ucciso a colpi di arma da fuoco. ”

Crime Time
Nessuna cauzione per il presunto assassino di Pop Smoke

Darden ha scritto nel deposito del tribunale: “È chiaro dalle prove che [Walker] non è entrato in quella casa, non era armato e non ha ucciso personalmente la vittima. Inoltre, l’imputato non condivideva l’effettiva intenzione di uccidere dell’assassino “.

Invece, Walker, avrebbe voluto che il killer sconosciuto rompesse, piuttosto, un vaso sulla testa di Pop Smoke.

Pop Smoke aveva 20 anni al momento della sua morte. Sebbene Walker non rischi di essere condannato alla pena di morte, potrebbe ancora affrontare un ergastolo senza la possibilità di appellarsi alla libertà condizionale.

Potrebbero interessarti anche...