mac miller 11 anni allo spacciatore che l'ha ucciso

11 anni a uno degli spacciatori di Mac Miller

Michael Reavis, è stato condannato per omicidio dopo aver venduto al rapper Mac Miller delle pillole di Fentanyl

Redazione


Uno degli uomini condannati per la morte di Mac Miller nel 2018 è stato condannato a quasi 11 anni di carcere per aver fornito al musicista le pillole di Fentanyl che hanno portato alla sua overdose, come riporta Rolling Stone.

Crime Time
Il secondo spacciatore accusato della morte di Mac Miller patteggia

L’uomo, il 39enne Ryan Michael Reavis, è stato condannato a 10 anni e 11 mesi dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Otis D. Wright II. Lo spacciatore ha detto di fronte alla corte che ha saputo della morte di Miller solo un anno dopo, quando è stato arrestato. Reavis è solo uno dei tre uomini accusati dell’omicidio di Mac Miller, l’uomo aveva tre pistole in suo possesso quando è stato arrestato a Lake Havasu, in Arizona, nel 2019. Secondo i pubblici ministeri, aveva anche munizioni  “bilance digitali ricoperte di residui di eroina e metanfetamina” .

“La mia vita è diventata oscura nel momento in cui Malcolm ha lasciato il suo mondo”, si legge in una dichiarazione letta dai pubblici ministeri dalla madre di Miller, Karen Meyers “Malcolm era più che un figlio. Avevamo un legame e una parentela profondi, speciali e insostituibili. Abbiamo parlato quasi ogni giorno di tutto: la sua vita, i suoi progetti, la sua musica, i suoi sogni”. Secondo sua madre Mac Miller “non avrebbe mai preso consapevolmente una pillola con il Fentanyl, mai” e che era “eccitato per il futuro”.

“Questo non è solo un normale caso di droga”, ha detto. “Qualcuno è morto e una famiglia non riavrà mai il proprio figlio. La mia famiglia sarebbe distrutta se fossi stato io. Non starebbero mai bene, non lo supereranno mai veramente. Ci penso tutto il tempo. E so che qualunque cosa accada oggi, io sono il fortunato perché la mia famiglia è qui e io sono qui e sarò di nuovo con loro. Mi sento malissimo. Questo non è quello che sono”.

Potrebbero interessarti anche...